Maschere estive per il viso!

Finalmente (?) è arrivato il caldo e , si sa , con questa calura non si ha voglia di muovere un dito , figuriamoci di preparare maschere per il viso. Anche farsi una coccola in più diventa pesante, ed è per questo che voglio mostrarvi come preparare delle maschere viso fai da te in cubetti di ghiaccio, da utilizzare sia strofinandole direttamente sul viso, sia lasciarle sciogliere a temperatura ambiente per poi applicarle. Proprio oggi ne ho fatta qualcuna e ho pensato di mostrarvele 🙂
Prima di tutto vediamo cosa abbiamo in casa e come possiamo combinare gli ingredienti tra loro 😉
20160629_182344

In base a ciò che avevo ho fatto una
MASCHERA NUTRIENTE ANTI-AGE  con:

  • 2 cucchiai di yogurt (io ho utilizzato quello intero all’albicocca)

  • 2 cucchiai di polpa frullata di susine fresche

  • 1 cucchiaino di miele

  • 2 cucchiai di cacao

  • 1 cucchiaino di olio d’oliva

20160629_183128


Ho poi messo metà composto nelle formine del ghiaccio,all’altra metà ho aggiunto delle mandorle tritate finemente per avere anche una maschera con effetto scrub.

20160629_183259

(Note: La vitamina A è importante per proteggere la pelle e gli organi del nostro corpo dall’invecchiamento precoce e dall’azione dei radicali liberi. Assumere frutti ricchi di vitamina A come le susine ci ripara anche dagli eventuali danni causati da un’eccessiva esposizione al sole.Le susine non contengono soltanto la vitamina A ma anche vitamina C,,vitamina E e vitamine del gruppo B, le principali alleate nella lotta contro i radicali liberi e l’invecchiamento cutaneo.)

Ho poi creato una MASCHERA EMOLLIENTE PER IL VISO:

  • 1/2 banana frullata

  • 2 cucchiai di yogurt alla banana

  • 1 cucchiaino di miele

  • 1 cucchiaio di amido di riso

  • 1 cucchiaino d’olio d’oliva

20160629_184057

Come per la maschera precedente, ho aggiunto la granella di mandorle per farne uno scrub:

20160629_184233

Un’altra maschera da conservare che ho fatto, facile facile, è PURIFICANTE E PER PORI DILATATI:

  • 1 albume d’uovo

  • 3 cucchiai di ananas fresca frullata

  • 1 punta di cucchiaino di zenzero (non esagerare!)

  • 2 cucchiai di yogurt all’ananas

  • 2 cucchiai di amido di riso

20160629_185258

Anche a questa ho aggiunto le mandorle tritate:

20160629_185438

Adesso sono pronte per essere congelate e utilizzate all’occorrenza.
La vostra scorta di maschere per il viso per l’estate è pronta! 😉

Quando ne avrete bisogno ne prelevate un cubetto o due della stessa maschera e o lo applicate direttamente sul viso rinfrescandovi , con movimenti rotatori, oppure li lasciate sciogliere a temperatura ambiente e le applicate come una comune maschera.
Uniche avvertenze: non lasciate troppo a lungo sullo stesso punto del viso il cubetto gelato,potrebbe causare arrossamenti dovuti al freddo.Inoltre, non scongelare i cubetti sul fuoco per non perderne le proprietà .
Nel caso si “smollino” un pochino, basterà aggiungere amido o cacao per addensarle 😉

Questo è tutto ragazzi! Come sempre spero di esservi stata utile e avervi dato qualche spunto.

Vi abbraccio,

                          Agnese.

 

Annunci

Come preparo l’Henné?

Ciao Ragazzi!
Oggi vi mostrerò come preparo l’henné, come vi anticipai quando abbiamo parlato dei miei henné preferiti .

Prima di tutto tenete conto che il vostro composto dovrà avere il tempo di ossidarsi, cioè di reagire con un liquido acido che può essere o succo di limone o aceto (o entrambi).
Questa fase è molto importante affinché il risultato della vostra tinta sia ottimale. Spesso  ho notato che su molte confezioni non ci sia nemmeno scritto tra il metodo di preparazione, ma per esperienza vi consiglio di farlo con tutti i vostri henné.

Il tempo di ossidazione va da un minimo di 2 ore a un massimo di 8.

E’ per questo che solitamente lo preparo la sera e lo metto su la mattina, lasciando il composto ossidare per tutta la notte coperto da una pellicola trasparente.
Ma ora passiamo al procedimento! 😉
Munitevi di oggetti che non siano in metallo, né la polvere né il composto dovranno entrare a contatto con oggetti ferrosi. Una vaschetta vuota di gelato e un mestolo o un cucchiaio di legno andranno benissimo.
Se non avete una vaschetta da gelato , compratela e svuotatela! eheheheheh! 😀
Mettete la polvere o il mix di polveri nel contenitore in plastica , a questo punto io aggiungo sia aceto che succo di limone. Molti consigliano di utilizzare il limone per un “rosso più caldo”, mentre l ‘aceto per un “rosso più freddo”.
Io li aggiungo entrambi e non se ne parla più 😀
Aggiungo il succo di due limoni grandi, presi direttamente dal mio alberello, e aceto di arancia che ho sempre pronto all’occorrenza che preparo facendo macerare la buccia di arance con aceto di mele per circa 2 settimane. Ne aggiungo tanto finché tutta la polvere risulti bagnata.
Più o meno così, per intenderci.2016-06-09-17-02-38-593Talvolta aggiungo un cucchiaino di cannella, uno di curcuma e uno di zenzero.
Tutte spezie dai colori caldi e che apportano benefici al microcircolo del cuoio capelluto promuovendo la crescita dei capelli. (Attenti solo a non esagerare nelle dosi, soprattutto con la cannella e lo zenzero poiché potrebbero risultare urticanti e irritanti!).
Fatto ciò, passo all’infuso con cui mescolare il tutto.
Di solito varia, a seconda anche di quello che ho in casa. Ciò che non mancano mai sono le foglie e i fiori di lavanda, rametti di rosmarino e alloro, dato che li prendo direttamente dalle mie piantine 🙂
Già così andrebbe bene, ma aggiungo anche le bucce dei limoni che ho premuto precedentemente e una bustina di thé o una tisana ai frutti rossi, che non mancano mai in casa mia.
Faccio bollire l’acqua, spengo il fuoco e aggiungo le erbette.
Lascio in infusione per circa 15 minuti, colo e aggiungo alla polvere.
2016-06-09-17-02-53-202
Ora munitevi di pazienza e mescolate il tutto fino a che il composto risulti omogeneo e senza grumi.
Terminato ciò, lascio ossidare nella vaschetta con un coperchio. Se è inverno, meglio in un posto caldo della casa.
L’indomani il vostro henné sarà pronto! 🙂
Potete ora metterlo sui vostri capelli o umidi o asciutti (meglio se puliti).
Io lo metto sempre dopo aver fatto lo shampoo con un prodotto bio senza utilizzare il balsamo , che metterò dopo che ho risciacquato i capelli dall ‘henné che ho tenuto in posa dalle 2 alle 3 ore con una cuffietta da doccia.
Questo è tutto ragazzi, questo è come preparo io l’henné.
Voi? Come fate? Avete qualche trucchetto?
Spero di esservi stata utile.


A presto,

Agnese.

I miei Henné preferiti.

Ciao ragazzi, oggi voglio parlarvi dei miei Henné preferiti e della mia esperienza con essi. Sono , ormai, più di due anni che ho deciso di tingere i capelli con l’ henné, di passare da un biondo cenere a un biondo rame e mi sento abbastanza pronta per darvi dei consigli su quali scegliere in base al risultato che desiderate.
Il primo hennè che acquistai quando finalmente mi decisi a cambiare colore , io che non avevo mai fatto una tinta prima di allora, fu l’ HENNé PURO della KHADI.

KHAD33
Prezzo: 7,30 €

 

Dopo tante ricerche in internet dell’hennè perfetto, mi convinsi ad acquistare questo poiché chiunque ne parlava in modo positivo. Ed effettivamente, così è.
E’ stato amore a prima vista! E’ cremoso,si stende benissimo, si risciacqua facilmente e  ha coperto perfettamente i capelli donandomi un bellissimo color rame.  In realtà, la prima volta che colorai i capelli feci un mix di 50 e 50 con l’HENNE NEUTRO (Senna/Cassia) ,sempre KHADI, poiché avevo paura di avere un risultato troppo evidente. Ne venne fuori un color carota che non mi dispiaceva affatto! (Vi ricordo che io partivo da un colore biondo scuro cenere). Solo dopo due applicazioni in 50e50 henné puro/hennè neutro , utilizzai esclusivamente l’hennè puro avendo come risultato un biondo scuro ramato. Mi dura 2 mesi, se non fosse per la ricrescita anche 3, man mano quando si scolorisce  i miei capelli diventano un color “rosso Irlandese carota” che , ripeto, non mi dispiace affatto.
Di solito acquisto i prodotti KHADI dal mio sito di fiducia Gaia Natura.
Si trovano entrambi nel formato 100g, l’hennè puro al costo di 7,30€ e l’hennè neutro a 6,95€; ovviamente non contengono picramato.

 

Col tempo ho preso coraggio e mi sono lanciata nel fare mix con altre tonalità di rosso 😀
Quando desidero un colore un po’ più carico ed evidente aggiungo dai 3 ai 5 cucchiai o di Hennè e Amla o Henné, Amla e Jatropha.

Con l’hennè e l’amla ottengo un colore un po’ più scuro ma sempre ramato, con l’henné, amla e jatropha un colore più “ciliegioso” , motivo per il quale , per i miei gusti, non lo preferisco.

Per più di un anno ho utilizzato sempre il marchio Khadi, che qualitativamente parlando è il top ma volevo provare qualcosa di più economico.
Ho acquistato, allora, sempre dal sito Gaia Natura, l’ henné rosso caldo de ” Le Erbe di Janas”, 100g al modico prezzo di 4€.

2016-06-09-17-02-11-862

Restava solo vedere la qualità. E bene, wow! Fantastico! La consistenza è sempre cremosa e la facilità con cui si stende è ottima. Il risultato è molto simile, se non identico a quello Khadi. Mantiene ciò che promette, un bellissimo colore rosso caldo.

Il mese scorso, mi serviva al volo fare una tinta e non avevo tempo per acquistare in internet. Mi sono recata, quindi, in una erboristeria vicino casa mia e ho acquistato l’ HENNé ROSSO RAME NATURALE di SITARAMA, 100g al prezzo di 7,50€.

No che sia malaccio, ma penso che non lo ricomprerò. Il risultato anche non è male ma l’ho trovato un tantino “polveroso” quando l’ho steso e ho fatto fatica a miscelarlo con l’infuso e l’aceto. Per non parlare del fatto che scarica tantissimo con lo shampoo, anche dopo un mese. Insomma, per questo prezzo ricompro il Khadi la prossima volta. 

Tirando le somme, quelli che vi consiglio sono il Khadi e le Erbe di Janas.
Quando posso acquisto il Khadi,  anche perché per la mia capigliatura e lunghezza, 100g bastano ma a quel prezzo comprerei 200g di le Erbe di Janas per almeno 2 applicazioni , ottenendo (quasi) lo stesso risultato.

Bene ragazzi, questo è tutto. Spero di esservi stata utile e se vi fa piacere , potete scrivere nei commenti voi quale utilizzate e la vostra esperienza.
La prossima volta vi parlerò del procedimento con cui faccio l’henné e come lo preparo 😉

A presto, Agnese.